Canottaggio, Di Liberti e Provenzano in finale ai Mondiali Under 23 di Amsterdam

Share

Alessandro Di LibertiClaudio Provenzano hanno conquistato oggi la finale del Quattro di coppia pesi leggeri al Mondiale Under 23 di canottaggio in corso di svolgimento ad Amsterdam in Olanda. I due portacolori di Autoeuropa TeLiMar, insieme a Edoardo Margheri del Baldesio e Andrea Micheletti del Gavirate, hanno ottenuto l’obiettivo minimo grazie ad una condotta di gara davvero molto attenta ai particolari. Terzo posto in semifinale con il tempo di 6’01”13, dietro a Germania e Francia, sprecando le forze giuste in vista della gara di domani (alle 12) che assegnerà le medaglie iridate. 

Un test probante, quello di oggi pomeriggio, per le ambizioni dei due palermitani e del quartetto azzurro inserito nella stessa semifinale della favorita squadra tedesca vicina mercoledì al record mondiale. I teutonici ed i transalpini sono partiti leggermente meglio e, sul passo, hanno consolidato il vantaggio a metà gara. Di Liberti-Provenzano-Margheri-Micheletti sono passati ai 1000 metri con un ritardo rispettivamente di 1”76 e 1”38. La Germania è riuscita ad unire ritmo e forza, la Francia a sorprendere un po’ rispetto alla batteria.

Il Quattro di coppia pesi leggeri dell’Italia si è avvicinato ai francesi ai 1500 metri, ma poi ha pensato soprattutto a mantenere l’ampio margine di vantaggio sull’Olanda. Troppo importante la qualificaziione alla finale. Una qualificazione tutt’altro che sofferta. Alla fine il distacco sulla barca orange è di 3’”86. Nell’altra semifinale sono passati Danimarca, Svizzera e Polonia.

I due portacolori del circolo dell’Addaura, reduci da una stagione importante (due successi nel Doppio e Quattro di coppia under 23 pl ai due Meeting Nazionali e dalla conquista del Titolo di Campioni Italiani under 23 nel Doppio), hanno portato Palermo e la Sicilia ad una finale internazionale di assoluto valore ricalcando le orme di compagni entrati nella storia del TeLiMar come Luca Moncada e Antonio Pizzurro.

Critico, ma carico, Alessandro Di Liberti, a fine gara: «Volevamo mantenere contatto con la Germania, invece siamo andati in affanno sul passo. Ne prendiamo atto per la finale di domani dove non ci possiamo prendere questo lusso».

Fiducioso Claudio Provenzano subito dopo la conclusione della semifinale: «Il traguardo della finale è davvero importante. Domani ce la giocheremo con tutti gli avversari. Si riparte sulla stessa linea, niente è scontato. Daremo il massimo, dopo il traguardo tireremo le somme».

Lascia un commento