Pallanuoto – Nuoto Catania, lettera aperta del presidente Scuderi al governatore della Sicilia Crocetta

Share

Nella situazione di preoccupante crisi dello sport siciliano un grido di allarme arriva anche dalla Nuoto Catania. Qui di seguito una lettera aperta del presidente della società etnea, Francesco Scuderi, al governatore della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, e alle varie autorità politiche e istituzionali, con un richiamo alla collaborazione da parte di tutte le realtà sportive dell’isola.

Ill.mo On. Rosario Crocetta

                                                                  Presidente della Regione Sicilia

–         Al Sig. Assessore allo Sport

della Regione Siciliana

–         Al Presidente del Coni Regionale

 –    A tutte le Società Sportive

                                                                   –     e.p.c. A tutte le testate giornalistiche

 

 

Gent.me Autorità in indirizzo,

 

ho l’onore di rappresentare da diversi anni la società Nuoto Catania e grazie anche all’aiuto di un nuovo gruppo dirigenziale, composto in prevalenza da ex atleti, siamo riusciti, seppur con notevolissime difficoltà economiche ed organizzative, a continuare ad alti livelli l’attività pallanotistica sia con la prima squadra che con i settori giovanili.

A riprova di ciò, basti ricordare che in questa stagione la prima squadra ha ottenuto prestigiosi risultati, quali la partecipazione alla Finale Play-Off maschile del campionato di A2, e che negli ultimi tornei le squadre juniores, allievi e ragazzi sono approdate a diverse finali nazionali, salendo più volte sul podio e consentendo a numerosi atleti di essere convocati nelle rappresentative nazionali.

Nel corso degli ultimi anni, molte, tante, troppe società natatorie del sud Italia hanno dovuto chiedere i battenti o ridimensionarsi, non avendo la possibilità di mantenersi economicamente.

 

Se ciò non è ancora accaduto anche alla mia società e se è stato possibile sino ad oggi partecipare a tutti i campionati nazionali lo si deve solo grazie a notevoli ed ormai improbi sforzi economici anche dei singoli consiglieri, e ciò perché, com’è noto, nessun ente locale siciliano ormai da vari anni contribuisce economicamente, ed inoltre perché l’imprenditoria dell’isola non è disposta ad investire nel settore pallanotistico.

 

Ma l’impegno dei singoli non è più sufficiente, essendo sempre maggiori i costi cui andiamo incontro, ed in mancanza di previsioni di entrate certe ed immediate non è più possibile non solo rimanere al vertice, colmando lo strapotere economico delle società del nord Italia, ma anche programmare seriamente l’attività agonistica.

Con la presente quindi mi permetto di chiedere al più presto un sostegno pubblico anche da parte di Codesti Enti ed Autorità, che permetterebbe alla mia e ad altre società di sopravvivere e di intervenire nel sociale, allontanando tanti giovani dal degrado e da ambienti a rischio devianza.

Mi rivolgo in particolare soprattutto a Lei, caro Presidente della Regione Sicilia, ben sapendo che è nelle Sue possibilità dare un serio aiuto a tutte le società di vertice,  ridando vita e finanziamento, in modo adeguato alle loro funzioni, ai capitoli della Legge 18 art.1 e della legge 31, storici capisaldi dell’intervento legislativo della Regione Siciliana in favore dello sport di vertice, data la condizione di insularità del nostro territorio.

Qualora non fosse possibile rifinanziare le suddette leggi, Vi invitiamo a farvi carico delle spese di trasferta predisponendo adeguate convenzioni con compagnie aeree e catene alberghiere.

Con questa breve missiva si coglie pure l’occasione di invitare il Coni Sicilia a svolgere un’azione propulsiva di supporto sia nei confronti dell’Assessorato Regionale allo Sport che delle società.

Si auspica inoltre che tutte le società di vertice siciliane si impegnino a portare avanti un progetto ed un programma comuni per far comprendere a tutti che senza squadre di vertice lo sport siciliano rischia di ammainare le bandiere e quindi di scomparire.

Per tutte queste ragioni,

CHIEDO

All’Ill.mo On. Rosario Crocetta, Presidente della Regione Sicilia, ed al Sig. Assessore allo Sport della Regione Siciliana di intervenire al più presto nei sensi sopra esposti, soprattutto ridando vita e finanziamento, in modo adeguato alle loro funzioni, ai capitoli della Legge 18/86 e della legge 31/84.

Colgo anche l’occasione per porgere i miei più distinti e cordiali saluti.

        

Catania, 10 Ottobre 2013         

                                                                                Il Presidente                                                                                                 Dott. Francesco Scuderi

ufficio stampa Strano Light Nuoto Catania

 

Lascia un commento