Altro flop Sicilia, Marsala perde la serie A di volley femminile

Share

Altra pagina di fallimento della pseudo politica siciliana inerente lo sport. Retrocessa in B1, la compagine marsalese ha avuto la possibilità di rimanere in A2 grazie al ripescaggio. Il sodalizio biancoblu vi ha dovuto rinunciare per carenza di supporti economici. Un anno fa si festeggiava un traguardo storico tagliato sul campo, un anno dopo, tra l’indifferenza degli amministratori e l’apatia delle realtà imprenditoriali, la Pallavolo Marsala è costretta a gettare la spugna ed a rinunciare al ripescaggio in serie A. L’obiettivo inseguito da una vita diventa soltanto un ricordo, anzi un rimpianto perchè fuori dalla nostra città in pochi riescono a capire il perchè si sia voluto vanificare un patrimonio di grandissimo valore sportivo, sociale e culturale come la serie A di volley.

“Venti anni di sacrifici, di investimenti, di battaglie sportive – ha sottolineato il presidente, Massimo Alloro – vengono vanificati dall’insensibilità di una classe politica che ha fatto solo promesse ed appelli, senza intervenire per salvaguardare una realtà sportiva di vertice. E vengono vanificati dal distacco dell’imprenditoria locale che, tranne qualche rara eccezione, non crede nei valori dello sport. E’ una sconfitta nostra, ma è soprattutto una sconfitta della città. Di tutta la città che ritiene di rinunciare a cuor leggero alla serie A”.

Troppo stretti i tempi e troppo onerosi gli impegni da onorare in tempi brevi per consentire l’iscrizione al campionato di A2. “Abbiamo fatto di tutto per cercare di iscrivere la squadra – ha detto sconsolato il direttore sportivo, Maurizio Buscaino – onoreremo chiaramente gli impegni con tutti, ma non siamo riusciti a garantire quella continuità necessaria di investimenti che sta alla base di una realtà di vertice quale era diventata la Pallavolo Marsala. In questo momento in cui lo sconforto ci assale, vogliamo ringraziare le atleti, i tecnici, i dirigenti, le ragazze del settore giovanile ed i tifosi. Loro ci sono stati sempre vicini ed hanno creduto in questa società conquistando risultati di prestigio che hanno fatto onore alla città di Marsala. E voglio ringraziare quei pochi imprenditori, con in testa la Sigel Gelati, che ci hanno aiutato a portare fino alla serie A la Pallavolo Marsala”.

Il futuro è chiaramente incerto, ma la società non vuole disperdere quanto costruito negli anni. C’è un settore giovanile da salvaguardare e c’è una passione da continuare a coltivare. “Vogliamo provare a ripartire dalla B1 – ha concluso il presidente Massimo Alloro – da sportivi crediamo che dalle sconfitte ci si possa rialzare, ma francamente, in questo clima di indifferenza generale, sarebbe più facile e più logico abbandonare tutto”.

 

 

fonte www.volleyplanet.it

Lascia un commento