Rugby serie A – Amatori, la salvezza in tasca e l’ultima di Max Vinti

Share

Ultimo impegno stagionale per l’Amatori, che con la salvezza già in tasca perde al “Goretti” contro il Valpolicella capolista. Ma le attenzioni e le emozioni della giornata erano tutte per Max Vinti, storico giocatore etneo che ha giocato la sua ultima partita da professionista.

Max Vinti lascia il rugby. L’atleta catanese raggiunge il limite di età previsto (42 anni) e si congeda dai campi della palla ovale. Ruolo tallonatore, protagonista e condottiero di centinaia di battaglie, in una carriera iniziata con la Zagara e proseguita con la casacca dell’Amatori Catania, di cui andrà a costituire un autentico pezzo di storia.

Per la cronaca, l’ultimo match della stagione contro il Valpolicella, ininfluente per la classifica dei catanesi già salvi, si è concluso con la vittoria degli ospiti. Questi ultimi chiudono in testa al girone 2, qualificandosi per la final four promozione.

Di seguito il tabellino:

AMATORI CATANIA-VALPOLICELLA: 17-35 ( 10-9 )

AMATORI CATANIA: Leonardi, Vinti (52′ Palmieri), Venturino (36′ F.  Guglielmino), Grimaldi, G. Gulielmino, Delfino, Ferrara (60′  Fassari)Delfino, Vasta, Parisi, Camino, Di Paola, Montedoro, Ruscica  (53′ Gorgone), Zappalà (70′ Colaianni)Montedoro Strazzeri. A  disposizione: Ardito, Palmieri, Gravagna, Corona. All. : Ezio Vittorio

VALPOLICELLA RUGBY: Etcheverry ( 75′ Bettini), Pacchera, De Leo,  Anselmi, Saccomani, Damoli (78′ Zardini), Musso, Previato (70′ Cimetti),  Pivetta, Fraccaroli (70′ Buratti), Bianchi, Nicolis Momi (60′ Carraro),  Frapporti (62′ Zampini), Ferrari (65′ Pavoni). A disposizione:  Massalongo. All. Zanella.

MARCATURE: 7′ meta Di Paola tr. Ferrara; 11′ c.p. Etcheverry; 13′ c.p.  Etcheverry; 30′ c.p. Etcheverry; 36′ c.p. Ferrara; 42′ c.p. Etcheverry;   53′ c.p. Etcheverry; 55′ drop Etcheverry; 66′ meta Pivetta tr.  Etcheverry; 70 meta Pacchera tr. c.p. Etcheverry; 80′ c.p. Pacchera;  80’+4′ meta Vasta tr. Colaianni

ARBITRO: Bonacci di Roma, coadiuvato dai sigg. Pierantoni di Colleferro   e Paluzzi di Segni.

Lascia un commento